English Français Deutsch עברית

La democrazia civile è un concetto molto potente. Cambierà ogni individuo, molte organizzazioni e la cultura di ogni società del mondo. Naturalmente, non la sola democrazia civile, essa deve seguire un cambiamento culturale che è già in corso e che dovrà procedere. Ma è un mezzo necessario per portare le potenti dinamiche della nostra padronanza umana dei nostri destini in un ambiente stabile.

Perché la democrazia civile è un concetto così potente? Per la stessa ragione che ha reso la democrazia rappresentativa un concetto così potente un secolo fa: perché offre un ambiente istituzionale in cui gli individui possono entrare nella responsabilità del collettivo. E per questo evita le trappole culturali specifiche che limitano la storia di successo della democrazia rappresentativa di settanta e sessant’anni fa.

Come umanità, siamo alla fine di ottomila anni di dominazione forzata. Circa ottomila anni fa, un primo uomo usò una spada di bronzo per forzare l’accettazione degli altri alla sua volontà, e iniziò un’era che fu segnata dalla differenza tra dominatori e dominati, tra re e sudditi. Oltre i millenni, questo concetto era ingiusto e crudele da un lato, ma stabile e produttivo dall’altro. La densità di popolazione, la divisione del lavoro e l’interconnessione attraverso lo scambio e le esternalità hanno tuttavia messo fine sia a questa stabilità che a questa produttività.

Lasua visione generale è già stata fatta nelle rivoluzioni americane e francesi quasi un quarto di millennio fa, e ha portato all’impressionante storia di successo della democrazia tra il 1789 e il 1989. Nella sua forma specifica, era tuttavia legata ad una specifica cultura europea di affiliazione di gruppo. Di conseguenza, è stato molto meno successo al di fuori del regno della cultura europea, e non è in grado di risolvere le sfide ambientali che ci troviamo ad affrontare – e, infine, l’individualizzazione ha cambiato anche le società occidentali in modo che non funziona più come ha fatto.

La democrazia civile annulla questa restrizione. Estende sia la promessa democratica che la responsabilità democratica a tutta l’umanità, indipendentemente dal loro background culturale. Ogni individuo che è disposto ad entrare nella cultura comune della responsabilità collettiva è invitato a partecipare.

Questa promessa comporta grandi richieste. Nel legarci tutti in una cultura comune, tutti dobbiamo dire addio ad alcuni dei nostri eccezionalismi culturali. Le persone con patrimonio culturale occidentale devono finalmente accettare di non regnare più il mondo. Le persone con patrimonio culturale non occidentale devono finalmente accettare che molti concetti fanno e continueranno per il meglio a regnare il mondo che si sono sviluppati per la prima volta in Occidente. Da entrambe le parti, siamo già riconosciuti a queste dolorose verità. Ma più e più volte, siamo riluttanti a lasciar andare le nostre vecchie immagini quando si tratta di realizzazioni specifiche. I diritti e le responsabilità individuali sono validi per un certo numero di contadini non occidentali che superano la popolazione occidentale. Ma questi diritti e responsabilità portano esperienze storiche che sono state fatte nella storia occidentale, ma sono applicabili all’umanità in generale, nonostante le differenze culturali.

La democrazia civile cambierà tutte le nostre vite. Ci renderà più consapevoli di ciò che facciamo, sia come individui che nelle nostre relazioni con gli altri. Lo farà ricordandoci costantemente la costante responsabilità che abbiamo di poter consegnare il mondo ai nostri nipoti. Ci ricorda costantemente che ci sono decisioni collettive da prendere, che queste decisioni collettive poggiano sulle decisioni individuali che prendiamo e che possiamo influenzarle, anche al di là del nostro contributo individuale al processo decisionale, influenzando gli altri, insieme ad altri. Possiamo unirci alle organizzazioni della società civile e servire come aiutanti ai nostri concittadini del mondo fornendo loro argomenti, e come cittadini del mondo possiamo ascoltare e pesare e giudicare questi argomenti per giungere alle nostre conclusioni e fornire queste conclusioni. Quindi ci tirerà fuori dal fatalismo. Possiamo fare la differenza, e dobbiamo fare la differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top